albatross_at_midway_atoll_refuge_8080507529

Il contenuto inalterato dello stomaco di un pulcino albatro morto. Immagine: Chris Jordan / Servizio Fish and Wildlife degli Stati Uniti

Probabilmente sai già che la plastica è un problema, ma sai cosa sta succedendo esattamente con loro una volta che lasciano la tua casa?



Ecco i tre modi in cui la nostra plastica danneggia la fauna selvatica:



1. Le microsfere tossiche stanno inquinando i nostri corsi d'acqua, la nostra fauna selvatica enoi!

Le microsfere sono minuscole palline di plastica di polietilene (meno di 5 mm) aggiunte ai prodotti per la cura personale per conferire loro proprietà esfolianti. Si trovano più comunemente nei lavaggi per il corpo e negli scrub per il viso, ma i produttori li introducono anche in cose come dentifricio e farmaci da banco.

Il problema con queste sfere in miniatura è che dopo aver lavato i tuoi scarichi, i sistemi fognari non sono in grado di elaborarli a causa delle loro piccole dimensioni. Si riversano nei fiumi e alla fine si fanno strada negli oceani.



PER studia in Marine Pollution Bulletin ha evidenziato il fatto che, a seconda del prodotto, tra 5.000 e 95.000 microsfere vengono rilasciate nei nostri sistemi idrici conogni singolo utilizzo.

Se sono così piccoli, come possono essere un problema?

1280px-dentifricio spazzolino



Il problema più grande con le microsfere è che non solo estraggono sostanze chimiche dalla loro produzione, ma anche prontamenteaccumularetossine che vengono poi ingerite dai pesci. Quei pesci vengono mangiati da pesci più grandi. Quei pesci più grandi vengono mangiatinoi.Quando i pesci finiscono nei nostri piatti, sono pieni zeppi di contaminanti come PCB e DDT (per non parlare delle sostanze chimiche che compongono la plastica stessa).

Come possiamo evitare queste cose?

Controlla gli ingredienti. Qualsiasi prodotto contenente polietilene, polipropilene, polietilene tereftalato, polimetilmetacrilato, acido polilattico o nylon deve essere evitato. Probabilmente non vuoi comunque quelle sostanze chimiche sulla tua pelle o in bocca.

2. La fauna selvatica rimane impigliata

Abbiamo visto tutti le foto strazianti. Gli animali marini stanno cercando di sopravvivere in un mare di plastica e spesso vi si aggrovigliano. Gli animali più vulnerabili sono forse quelli curiosi; come i nostri cani, a loro piace esplorare e giocare con gli oggetti che trovano. Questo non va bene nella maggior parte dei casi.

Anche le lenze e le reti abbandonate lasciate dai pescatori sono estremamente dannose. Gli animali marini spesso corrono direttamente nelle pareti delle 'reti fantasma' e annegano. (Le reti fantasma sono reti scartate che viaggiano per corrente.) Se gli animali non annegano subito, sono costretti a nuotare trascinando la rete dietro di loro, il che rende estremamente difficile (se non impossibile) per loro foraggiare o immergersi per cibo. Inoltre, le lenze abbandonate avranno spesso dei pesci attaccati; quando gli animali cercano di afferrare il pesce, si allacciano e si avvolgono in linea.

Se vedi reti o lenze abbandonate durante il tuo viaggio in spiaggia, potresti salvare una vita raccogliendole!

3. Gli animali ingeriscono inconsapevolmente la plastica, provocando malassorbimento e blocco intestinale

Questo è probabilmente il problema peggiore e colpisce ogni creatura, dal pesce più piccolo alla balena più grande.

Gli animali non si rendono conto che stanno mangiando qualcosa di dannoso. Credono di stare mangiando la loro dieta normale e probabilmente si sentono pieni quando la plastica si incastra nel loro intestino. Tuttavia, non sono in grado di ottenere alcun nutriente, il loro intestino alla fine si blocca e inevitabilmente muoiono di fame.

4408273247_86db163ca2_b

Immagine: Kevin Krejci / Flickr

Molti uccelli marini sfiorano la superficie per cose come uova di pesce e inconsapevolmente raccolgono invece un boccone di pezzi di plastica. Questi vengono rigurgitati e finiscono nella pancia dei loro pulcini appena nati. In effetti, uno studio recente lo ha scoperto Il 90% degli uccelli marini ha lo stomaco pieno di plastica .

Le balene prendono enormi sorsi d'acqua per filtrare il mangime. Non possono filtrare selettivamente pezzi di spazzatura e plastica che galleggiano tra i pesci e il krill.

Oppure, a volte gli animali scambiano la plastica come la spesa o le borse della spesa per qualcos'altro. Le tartarughe marine vedono un sacchetto di plastica galleggiante e con la loro visione limitata presumono che sia una medusa. I sacchetti di plastica bloccano il loro intestino e non sono quindi in grado di mangiare o digerire il cibo. Ahia.

giphy-1

Anche le balene carnivore che cacciano per il loro cibo 3, ooo piedi sotto la superficie sono colpite. Tredici capodogli che recentemente si sono lavati su una spiaggia si sono trovati in qualche modo consumati, tra le altre cose: un coperchio di plastica del motore di un'auto, parte di un secchio di plastica e una rete per gamberi lunga 43 piedi.

Allora cosa possiamo fare per aiutare?

In primo luogo, dobbiamo ridurre la quantità di rifiuti che entrano nei nostri oceani. ECO360's sito web ci dice: 'Gli americani generano10,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica all'annoma riciclarne solo l'1-2%. Si stima che ogni anno 14 miliardi di libbre di spazzatura, in gran parte plastica, vengano scaricati negli oceani del mondo '.

Successivamente, dobbiamo fare uno sforzo per raccogliere e rimuovere ciò che è già presente.Il 17 settembre è la Giornata internazionale della pulizia delle coste. Prendi un sacco della spazzatura, guanti e alcuni amici e raggiungi una spiaggia locale per una pulizia! Ci sono migliaia di siti che organizzano pulizie che puoi trovare su Ocean Conservancy .

E ricorda: semplicemente raccogliendounopezzo di spazzatura fuori dalla spiaggia, potresti salvare un animale.

Ci vediamo sulle spiagge!

GUARDA IL PROSSIMO: Wildfire si trasforma in 'Firenado' e poi in beccuccio d'acqua