Impressione dell'artista. Immagine: Wikimedia Commons

Armati di potenti laser, gli scienziati hanno recentemente scoperto nuovi dettagli sui dinosauri simili a uccelli che vagavano per la terra 160 milioni di anni fa.



Esemplare fossile di Anchiornis huxleyi in mostra al Museo di Storia Naturale di Pechino. fotografato da Jonathan Chen -Proprio lavoro, CC BY-SA 4.0

Uno studio pubblicato su Nature Communications illustra come i ricercatori hanno utilizzato una nuova tecnica laser per esaminare fossili di piccoli dinosauri piumati chiamatiAnchiornis, scoprendo dettagli come i tessuti molli e le squame del piede simili a quelle che si trovano negli uccelli moderni.



Quindi, come ha funzionato esattamente tutto questo e perché è importante?

In genere, i tessuti molli delle creature antiche non reggono molto bene nel tempo e gli scienziati possono solo dire così tanto su una specie studiando gli scheletri fossili.

Ma la luce dei laser ha creato essenzialmente un effetto 'bagliore nell'oscurità' mentre interagiva con i minerali nei fossili per mostrare molti più dettagli di quelli visibili alla luce normale, compresi i tessuti molli che sono stati conservati accanto alle ossa.



I dettagli appena visibili hanno contribuito a confermare cosaAnchiornisavrebbe potuto assomigliare: aveva tratti simili a quelli di un uccello, comprese braccia simili ad ali e gambe a forma di bacchetta.

Aveva anche un propatagium, una membrana davanti al gomito che aiuta gli uccelli moderni a scivolare nell'aria, suggerendo che i dinosauri piumati avrebbero potuto avere qualche capacità aerodinamica, anche se gli scienziati non possono dirlo con certezza.



Gli scienziati hanno da tempo identificato un legame evolutivo tra i dinosauri e ciò che oggi conosciamo come uccelli, ma questi risultati potrebbero aiutare 'a migliorare il modo in cui sappiamo che gli uccelli si sono evoluti da un animale che viveva a terra a uno che ha preso il volo', ha detto Michael Pittman, uno dei autori principali dello studio in un video .

GUARDA SUCCESSIVO:Titanoboa: il serpente più grande che il mondo abbia mai conosciuto



Clicca qui per vedere alcuni degli altri predatori preistorici più incredibilmente massicci mai scoperti.