Nel corso della tumultuosa storia di questa Terra ruggente, milioni di specie sono sorte e cadute nel corso di milioni di anni. Alcune di queste specie erano docili e innocue, ma altre erano violente e pericolose. Queste specie violente e pericolose includono i predatori più grandi e cattivi che abbiano mai dominato il pianeta. Torniamo indietro nel tempo e diamo uno sguardo ad alcuni dei predatori più letali nella storia della Terra, dagli scorpioni marini agli squali giganti ...

Scorpioni di mare



Gli scorpioni di mare sono stati alcuni dei primi predatori a insidiare i mari antichi ed erano i più grandi di tutti gli artropodi. Non erano veri scorpioni, ma erano aracnidi, che includono scorpioni, ragni e granchi a ferro di cavallo.

Regnando per oltre 200 milioni di anni, gli scorpioni marini sono stati tra gli invertebrati più formidabili del mondo fino a quando non sono stati spazzati via dall'estinzione di massa del Permiano-Triassico.

Mentre serpenti giganti e uccelli del terrore sono apparsi sulla terra dopo l'estinzione dei dinosauri, un gruppo di mammiferi è tornato in mare e si è evoluto in quelle che ora sono conosciute come balene. Oggi generalmente pensiamo alle balene come giganti gentili, ma per alcuni milioni di anni le balene sono state tutt'altro che gentili.

Balene dentate

Calco del cranio di Livyatan melvillei. Foto di Hectonichus.

Il basilosauro era un'antica balena che cresceva fino a 59 piedi (18 metri) e mangiava squali e altre balene. Nel frattempo, Livyatan melvillei era un antico capodoglio di 57 piedi (17,5 metri) che predava squali, delfini, foche e altre balene di 33 piedi (10 metri). Questo è decisamente più tosto dei moderni capodogli, che mangiano principalmente calamari giganti.

Megalodon

Gli squali esistono da 420 milioni di anni e in tutti questi anni sono stati i principali predatori nei mari in continua evoluzione. Eppure, 23 milioni di anni fa, il più grande squalo (e il più grande e potente predatore nella storia dei vertebrati) apparve nei mari antichi, banchettando con balene, delfini, pinnipedi e altre creature marine.

Sulla base delle dimensioni dei denti di Megalodon, gli scienziati ritengono che potrebbe raggiungere una lunghezza di 59 piedi (18 metri). È più del doppio delle dimensioni dei più grandi squali bianchi! Fortunatamente per noi, questi enormi megasquali marini si estinsero 2,6 milioni di anni fa.

Megalania

Cranio di Megalania (Varanus priscus). Foto di Steven G. Johnson.

Nell'antica Australia, una gigantesca lucertola di 7 metri attaccò marsupiali altrettanto giganteschi.

Conosciuta come Megalania o Varanus priscus, questa lucertola era una lucertola monitor, che include il famigerato drago di Komodo di oggi. Come le moderne lucertole monitor, Megalania era probabilmente velenosa e i primi coloni aborigeni arrivati ​​in Australia potrebbero averle incontrate prima che si estinguessero 50.000 anni fa.

Smilodon

Oggi, i grandi felini come leoni e tigri sono venerati e temuti e, nei luoghi in cui esistono, sono predatori all'apice. Tuttavia, 10.000 anni fa, un gatto dai denti a sciabola noto come Smilodon vagava per le Americhe e aveva un paio di zanne affilate molto più grandi di qualsiasi gatto moderno.

Inoltre, con alcune specie di Smilodon che pesano fino a 880 libbre (400 chilogrammi), si ritiene che questi gatti siano i felidi più grandi mai esistiti.

Dimetrodon

Mentre gli scorpioni marini si aggiravano nei mari Permiano, Dimetrodon si aggirava per il terreno Permiano ed era uno dei principali predatori del suo tempo.

Nonostante somigliasse a un dinosauro, Dimetrodon in realtà visse e morì prima ancora che apparissero i dinosauri. Inoltre, questo carnivoro rettile era imparentato con i mammiferi.

Pliosauri

Caccia al Kronosaurus. Illustrazione di Dmitry Bogdanov.

I pliosauri erano plesiosauri dal collo corto con denti e mascelle enormi.

Hanno terrorizzato i mari del Giurassico e del Cretaceo insieme ai dinosauri terrestri e pochi animali erano fuori dal menu. Pesci, squali, ittiosauri, dinosauri e altri plesiosauri erano tutti un gioco leale.

Mosasauri

Quando i pliosauri si estinsero nel Cretaceo medio, lasciarono un vuoto negli ecosistemi marini del tardo Cretaceo.

Tuttavia, quel vuoto non è rimasto vuoto a lungo. I mosasauri divennero i predatori dominanti nei mari del Cretaceo fino all'estinzione dei dinosauri. I mosasauri più grandi possono aver raggiunto i 56 piedi (17 metri) di lunghezza e hanno mangiato tutto ciò che potevano entrare nelle loro enormi mascelle.

Spinosaurus

Naturalmente, i più letali e famosi di tutti i predatori della Terra sono stati i dinosauri, che hanno governato il pianeta fino all'estinzione di massa del Cretaceo-Paleogene 66 milioni di anni fa.

I dinosauri carnivori erano tra i più grandi di tutti i predatori terrestri, in particolare gli spinosauri, che potevano raggiungere una lunghezza di 50 piedi (15 metri)! È più del doppio del più grande predatore terrestre di oggi, il coccodrillo di acqua salata.

Titanoboa

Dopo l'estinzione dei dinosauri, un altro enorme rettile prese piede: il titanoboa. Cresciuto fino a una lunghezza di 42 piedi (12,8 metri), il titanoboa era il più grande serpente mai vissuto.

Gli scienziati in precedenza lo consideravano un predatore all'apice della sua era, ma scoperte successive hanno rivelato che era principalmente piscivoro (mangiava pesce). Tuttavia, non vorremmo testare questa teoria per scoprirlo.

Uccelli del terrore

Accanto a Titanboa, un altro gruppo di predatori devastanti è insorto sulla scia dell'estinzione dei dinosauri. Questi animali, i Phorusrhacids, erano anche conosciuti come 'uccelli del terrore' e non erano troppo lontani dai loro parenti dinosauri.

Questi uccelli erano incapaci di volare e carnivori e avevano becchi ricurvi progettati per lacerare la carne. Esistevano da 60 milioni di anni e si estinsero 1,8 milioni di anni fa.

Andrewsarchus

41 milioni di anni fa, un mammifero noto come Andrewsarchus perseguitò il paesaggio dell'Eocene. In base alle dimensioni del suo cranio, si ritiene che Andrewsarchus sia stato il più grande carnivoro di mammiferi terrestri sulla Terra.

Nonostante il suo aspetto simile a un lupo, Andrewsarchus era in realtà strettamente imparentato con ippopotami e balene.

Anomalocaris

Immagine: Wikimedia Commons

Durante l'era Cambriana, gli oceani brulicavano di fauna selvatica, sebbene la terra rimanesse un paesaggio roccioso e arido. Questo periodo di tempo è stato un momento cruciale nell'evoluzione della Terra e ha assistito al letale invertebrato noto come Anomalocaris, il più grande predatore del pianeta.

La sua bocca arrotondata vantava file affilate di denti placcati e il suo lungo corpo segmentato non assomigliava a nessun animale vivo oggi.

Liopleurodon

Questo rettile marino nuotava rapidamente attraverso i mari del tardo Giurassico nello stesso momento in cui i dinosauri vagavano per la Terra, ma era due volte più mortale. Le sue fauci erano tre volte più grandi del Tyrannosaurus Rex e predava il pesce più grande mai esistito, il Leedsichthys, che vantava più di novanta piedi di lunghezza.

Il cranio del Liopleurodon pesava la metà del suo intero corpo, rendendolo sicuramente uno dei predatori più letali della storia.

Daeodon

Questo antico antenato di maiali e cinghiali misurava più di dodici piedi di lunghezza e brandiva una tonnellata di peso corporeo. Conosciuto come il più spietato predatore dell'era del Miocene, la sua aggressività gli attribuisce il riconoscimento come uno dei predatori più letali della storia.

Il suo cranio misurava più di due piedi di lunghezza e si pensava che avesse masticato spietatamente la sua preda.

Deinosuchus

Deinosuchus era un alligatore gigante che visse più di settanta milioni di anni fa, persistendo come la più grande creatura coccodrillo mai esistita. Questi animali mortali erano rinomati per catturare e mangiare grandi dinosauri.

A quaranta piedi di lunghezza e un peso di quasi una tonnellata, questi alligatori erano sicuramente alcuni degli animali più pericolosi della storia.

Gigantopithecus

Immagine: Wikipedia

Questo enorme animale esisteva più di nove milioni di anni fa in quella che oggi è l'Asia moderna. Gigantopithecus era la scimmia più grande mai esistita, alta più di tre metri e con un peso di quasi 1200 libbre. L'analisi della loro dentatura ha rivelato mascelle forti con smalto pesante e denti larghi e piatti, adatti per macinare la loro sfortunata preda.

Mentre la maggior parte di queste creature camminava a quattro zampe, alcune di loro erano anche bipedi.

Pulmonoscorpius

Immagine: Wikimedia Commons

Questo aracnide mortale esisteva durante il periodo Carbonifero e vantava un pungiglione in grado di immobilizzare i tetrapodi. Viene indicato come lo 'scorpione che respira' e si pensa che abbia vissuto in quella che è la Scozia moderna.

Questo micidiale predatore è cresciuto fino a 30 cm di lunghezza, facendo impallidire persino il più grande del suo genere oggi.

Helicoprion

Questa terrificante creatura simile a uno squalo visse più di 290 milioni di anni fa e persistette durante l'Evento di Estinzione del Permiano-Triassico e per gran parte del Triassico iniziale, durante il quale alla fine si estinse.

Questi predatori erano noti per le loro 'vortici di denti' disposti a spirale, in grado di tagliare l'intero corpo delle loro prede.

Dunkleosteus

Immagine: Wikimedia Commons

Questi enormi pesci placodermi esistevano più di 350 milioni di anni fa. Erano alcune delle bestie più carnivore del mare, che vantavano più di trenta piedi di lunghezza e pesavano quasi quattro tonnellate.

Queste bestie corazzate erano i predatori apicali del loro tempo e sicuramente alcuni dei pesci più pericolosi che abbiano mai nuotato nei mari della Terra.