Immagine: John Cummings, Wikimedia Commons

Un team di acquirenti sotto copertura ha recentemente scoperto l'entità della corruzione nel commercio 'legale' dell'avorio a Hong Kong.

Sebbene la vendita di avorio ottenuto prima del 1990 sia tecnicamente ancora legale a Hong Kong, i venditori sono tenuti a ottenere e mostrare le licenze del negozio agli acquirenti. Inoltre, gli acquirenti sono tenuti a raccogliere i permessi che consentono l'esportazione dell'avorio acquistato da Hong Kong e l'importazione dei prodotti nei loro paesi d'origine.



La rete di monitoraggio del commercio della fauna selvatica nota come TRAFFIC ha inviato ricercatori sotto copertura fingendosi turisti per valutare il commercio di avorio a Hong Kong durante i mesi di agosto e dicembre 2015. Hong Kong è uno dei pochi hotspot del commercio di avorio rimasti nel mondo.

Dei 131 presunti rivenditori 'legali' di avorio di Hong Kong, solo il 30% dei negozi si è sforzato di mostrare visibilmente i propri permessi di vendita, o addirittura di averne uno. Inoltre, un terzo dei commercianti di avorio ha spinto gli acquirenti a trasportare l'avorio illegalmente nella Cina continentale e ha fornito suggerimenti utili su come effettuare trasporti non rilevati.

Immagine: Wikimedia Commons

Molti degli articoli in vendita includono bigiotteria, gioielli e display di avorio lavorato. Per gli articoli più grandi, i negozianti di avorio hanno suggerito il trasporto a pagamento a Shenzhen.

Il divieto della CITES (Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione) sul commercio di avorio vieta tutto tranne il commercio interno di avorio pre-1990 in tutta Hong Kong, ma ovviamente le normative non vengono prese sul serio.

'L'insufficiente conformità da parte dei commercianti autorizzati della città evidenzia le principali carenze dell'attuale regolamentazione di Hong Kong sul commercio locale dell'avorio', Wilson Lau, responsabile del programma di TRAFFIC e coautore dell'ultimo rapporto, ha detto in una dichiarazione .

Sebbene la città proponga sanzioni più pesanti, sono necessarie maggiori politiche di applicazione per garantire l'efficacia.