Immagine: Shravans14 / Wikimedia

I colibrì possono avere cervelli minuscoli, ma sono insolitamente potenti. Un nuovo studio, pubblicato in Biologia attuale ,dice che il modo in cui volano i minuscoli uccelli - che svolazzano bruscamente in ogni direzione e che utilizzano ali che battono rapidamente per librarsi - richiede molta potenza cerebrale.



I colibrì sono l'unica specie di uccello che è in grado di librarsi veramente e per farlo hanno sviluppato muscoli del seno estremamente grandi e una forma di ala specializzata. Hanno anche sviluppato un cervello profondamente complesso, che secondo la ricerca è necessario per il volo multidirezionale.



La maggior parte degli animali si muove principalmente in avanti. Questo include gli esseri umani; sebbene siamo in grado di muoverci in modo relativamente rapido in una serie di direzioni, l'istinto ci spinge ancora in avanti. Ad esempio, quando siamo minacciati tendiamo a voltarci e correre nella direzione opposta. La maggior parte degli animali terrestri fa lo stesso e molti non sono nemmeno in grado di muoversi all'indietro o da un lato all'altro.

Immagine: Charles J. Sharp / Wikimedia

Il colibrì, però, è diverso. Nella parte del cervello responsabile dell'interpretazione degli stimoli visivi, illentiformis mesencephali, i ricercatori hanno scoperto che i colibrì non mostravano alcun istinto definitivo fronte-retro. Invece, i colibrì si muovono allo stesso modo in ogni direzione.



I ricercatori hanno anche scoperto un'altra grande differenza nel cervello dei colibrì. Mostrano più una risposta ai movimenti veloci che a quelli lenti. Ciò ha senso se si considera la velocità con cui possono muoversi i colibrì: circa 385 lunghezze del corpo al secondo. Per fare un confronto, un caccia F15 Eagle vola a circa 45 lunghezze del corpo al secondo.

Quando ti muovi così velocemente, una mossa sbagliata può significare guai seri, quindi un colibrì deve navigare istantaneamente.



Tuttavia, la motivazione dei ricercatori per esaminare il cervello degli uccelli non era solo di interesse ornitologico. Sperano che capire come si muovono e come pensano i colibrì aiuterà a informare le innovazioni tecnologiche nel volo e nella robotica.

Forse è ora di ridefinire il termine 'cervello di uccello!'