mangusta1

Di TKnoxB / Creative Commons / 2.0

Le manguste sono conosciute come feroci predatori, in grado di abbattere mortali cobra o serpenti mamba neri con un solo morso, ma c'è una creatura che le creature pelose devono temere: l'uomo.

I cacciatori indigeni intrappolano le manguste in reti o trappole e poi le picchiano brutalmente a morte. I cacciatori tengono la carne, ma vendono i capelli da usare per i pennelli per belle arti.



Uccidere la mangusta e vendere prodotti a base di mangusta è illegale dal 1991 secondo l'Allegato IV dell'Indian Wildlife Protection Act, ma nonostante ciò, il commercio di pennelli a pelo di mangusta continua. Nel 2015, le forze dell'ordine hanno confiscato 14.000 spazzole in pelo di mangusta in una città nel sud-ovest dell'India. Gli artisti preferiscono i pennelli in pelo di mangusta perché non sono troppo rigidi e non troppo morbidi e arrivano a una punta affusolata che aiuta ad aggiungere dettagli fini a un dipinto.



pennello

Per questione di fatto / Creative Commons / 3.0

Le manguste sono piccoli mammiferi che si trovano principalmente in Africa, nell'Asia meridionale e nella penisola iberica. Hanno una pelliccia marrone o grigia e alcune specie hanno cappotti a strisce o code inanellate.

Nonostante il trattamento barbaro che ricevono dai cacciatori, le creature sono state a lungo un amico degli umani. Manguste mummificate e immagini degli animali sono state trovate nelle tombe egizie e sono state introdotte alle Hawaii e nelle Indie occidentali per controllare i roditori nelle piantagioni di canna da zucchero.

giphy-85



E forse l'esempio più famoso del rapporto tra uomini e manguste è il leggendario Rikki-tikki-tavi di Rudyard Kipling, la mangusta che ha salvato una famiglia dai cobra velenosi che vivono nel cortile.

Per saperne di più:

GUARDA IL PROSSIMO: I Lions fanno casino con la mangusta sbagliata