La Norvegia uccide più balene di qualsiasi altro paese e non ha intenzione di rallentare, nonostante a moratoria globale sulla caccia commerciale alle balene emanata dalla Commissione baleniera internazionale nel 1982.



In effetti, il paese ha recentemente annunciato che aumenterà la sua quota annuale di caccia alle balene del 28% nel 2018 nel tentativo di stimolare un'industria della caccia alle balene in declino.

Secondo un rapporto dell'Animal Welfare Institute , La Norvegia ha ucciso più balene nel 2015 e nel 2016 rispetto al Giappone e all'Islanda messi insieme, gli unici altri due paesi al mondo in cui la caccia alle balene rimane legale in qualche forma. Il paese ha palesemente rifiutato la moratoria internazionale, manipolando le scappatoie sia nelle pratiche di caccia che nei protocolli commerciali.



Mentre il loro mercato interno manca di domanda di carne di balena, la Norvegia trae profitto esportando prodotti di balene in Giappone oltre a utilizzare la carne per nutrire gli animali in un'alta concentrazione di allevamenti da pelliccia.

Sebbene la balenottera minore del Nord Atlantico non sia considerata una specie in via di estinzione, le tattiche di caccia alle balene norvegesi sono considerate disumane per gli standard IWC, che definiscono l'uccisione umana di una balena come 'Provocandone la morte senza dolore, stress o angoscia percepibili dall'animale.'



I balenieri norvegesi uccidono le balenottere minori usando arpioni a granata, un'invenzione che risale al XIX secolo. L'arpione si inserisce profondamente nella carne della balena, rilasciando ganci caricati a molla che si aggrappano efficacemente al mammifero, consentendo ai pescatori di trasportare il corpo sulla loro nave.

Tuttavia, il processo è lento e le balene spesso muoiono per un periodo di ore. Quando la granata esplode, provoca alla balena un immenso trauma fisico.

La statistica più devastante di tutte? Il novanta per cento delle balene uccise sono femmine, la maggior parte delle quali incinte, come affermato da a nuovo film sulla caccia alle balene norvegese .

Ma anche se il numero di imbarcazioni commerciali per la caccia alle balene che operano in Norvegia è crollato negli ultimi anni, il governo è determinato a incoraggiare quella che ritiene sia una tradizione di lunga data. Hanno spinto il prodotto nei mercati locali e nei negozi di alimentari in tutto il paese e nel 2017 hanno persino sovvenzionato un programma per introdurre i bambini delle scuole alla carne di balena, secondo AWI .

GUARDA SUCCESSIVO: La megattera si schianta contro la barca