Le infusioni di tossine del corno suonano mortali, ma in realtà prevengono il bracconaggio del rinoceronte e potrebbero aiutare a salvare ciò che resta delle specie in declino.



La maggior parte dei metodi di conservazione dei rinoceronti comporta una qualche forma di svalutazione del corno, che ha l'unico scopo di rendere il bracconaggio del rinoceronte meno attraente. Mentre le riserve private in precedenza stavano decornando i loro rinoceronti, le infusioni di tossine sono favorite a causa degli effetti comportamentali e fisiologici negativi osservati nei rinoceronti dopo la decornazione.

L'infusione di tossine e coloranti nelle corna di rinoceronte sul campo è uno dei metodi più nuovi e affascinanti di svalutazione del corno. Questo metodo è evidenziato dal Progetto Rhino Rescue , un'organizzazione 'Offrire una strategia difensiva sostenibile ed economica per proteggere i rinoceronti in Sud Africa e altrove dal bracconaggio'.

Il progetto Rhino Rescue ha sviluppato una procedura altamente efficace che utilizza un composto di colorante ed ectoparassiticidi che viene iniettato nel corno, lasciandolo senza valore per uso medicinale o ornamentale. Gli animali trattati subiscono sedazione, ma per il resto non vengono danneggiati dal processo e le loro corna rimangono svalutate per tre o quattro anni alla volta.

Wild Heart Wildlife Foundation è un'importante organizzazione di conservazione impegnata nella conservazione etica e che garantisce che l'assistenza pratica raggiunga direttamente la fauna selvatica più bisognosa.

La Fondazione sostiene pienamente il processo di infusione di corno di rinoceronte come alternativa alla decornazione e ha assistito il Progetto Rhino Rescue in molte di queste procedure di infusione.

Immagine: WHWF / Rhino Rescue

Il fondatore e direttore Paul Oxton ha spiegato a Roaring Earth: “La decornazione ha effetti negativi significativi sul comportamento e persino sulla fertilità degli animali. Un toro rinoceronte che era dominante e forte divenne sempre più letargico e disinteressato per le femmine [dopo la decornazione]. La sua vitalità è tornata una volta che è stato permesso al suo corno di ricrescere. '

La Fondazione favorisce fortemente le infusioni di tossine del corno come sostituto efficace della decornazione, confermato dalla loro assistenza in alcune di queste procedure su riserve private. Inoltre, WHWF ha spiegato che il processo di infusione di tossine è stato avanzato per includere un isotopo radioattivo, per un più facile rilevamento da parte degli scanner aeroportuali.

Immagine: Progetto Rhino Rescue

La maggior parte dei metodi di conservazione deve affrontare almeno una certa opposizione e a studia pubblicato sotto Sam Ferreira dei Parchi Nazionali del Sud Africa sostiene che infondere e scolorire le corna di rinoceronte è una tecnica inefficace sul campo, specialmente quando si tratta di grandi popolazioni di rinoceronti.

La letteratura presenta l'idea che le corna infuse stesse possano diventare una merce di bracconaggio e che anestetizzare i rinoceronti per la procedura sia un rischio inutile. Lo studio mette anche in dubbio l'efficacia della dispersione del colorante in tutta la struttura del corno.

Immagine: WHWF / Rhino Rescue

Sebbene la ricerca affronti preoccupazioni legittime, secondo il WHWF, “I metodi di svalutazione del corno renderebbero impossibile la vendita del corno. Con l'attuale infuriato dibattito sull'opportunità o meno di legalizzare il commercio in Sud Africa, ha senso che coloro che sono a favore del commercio farebbero di tutto per screditare qualsiasi procedura che possa influire negativamente sul valore del loro prodotto '.

“Il rischio per quanto riguarda l'anestesia degli animali è sempre un fattore, ma questo deve essere fatto sia che venga decornato o infuso. In effetti, l'infusione è molto meno traumatica per il rinoceronte a causa dei livelli di stimoli inferiori e di un protocollo di procedura meno invasivo. Invece di screditare gli altri, tutti gli sforzi per frenare il bracconaggio e proteggere i rinoceronti dovrebbero essere sostenuti attivamente '.

L'applicazione di questa tecnica di infusione di corno deve ancora essere implementata e valutata in un ambiente in cattività.L'avvelenamento da corno di rinoceronte può essere un metodo efficace per svalutare le corna dei rinoceronti tenuti negli zoo, oltre a consentire un'analisi più approfondita della procedura e dei suoi effetti sugli animali.

Oxton conferma: “La Wild Heart Wildlife Foundation crede che gli zoo siano l'arena perfetta per questo trattamento, in quanto potrebbe essere trasformato in una massiccia campagna di sensibilizzazione pubblica. È un ambiente controllato e contenuto e il valore dell'educazione non deve essere sottovalutato. '

Immagine: Progetto Rhino Rescue

All'inizio del mese scorso i bracconieri hanno fatto irruzione nello zoo di Thoiry a Parigi e hanno brutalmente ucciso un rinoceronte di quattro anni noto come Vince, quindi hanno rimosso il suo corno con una motosega. Sebbene questo sfortunato evento sia comune in natura, questo è il primo incidente documentato in Europa in cui un animale vivo viene ucciso mentre è tenuto in cattività.

Gli zoo e gli ambientalisti devono continuare a lavorare insieme per gestire l'imminente crisi del commercio dell'avorio. L'infusione di tossina del corno di rinoceronte funge da strumento ideale per l'implementazione su larga scala in entrambe le arene come metodo di conservazione efficace per salvare le specie di rinoceronte.

Guarda il video completo del processo di infusione del corno di rinoceronte di seguito: