La vaquita è il cetaceo più piccolo del mondo eè gravemente minacciato di estinzione, con meno di 30 animali rimasti.



La vaquita (Phocoena seno)è una focena estremamente rara trovata in tutto il Golfo del Messico. È considerato il cetaceo più a rischio di estinzione al mondo, la sua popolazione è scesa al di sotto dei 100 individui nel 2014. Un'indagine condotta nel novembre 2016 stima meno di 30 vaquitas vive oggi.

La totoaba è principalmente da incolpare a causa dell'ampia sovrapposizione dei loro habitat. La totoaba è essa stessa una specie in via di estinzione e desiderata per la sua vescica natatoria, che guadagna migliaia di dollari sul mercato nero. I cartelli della droga messicani sono stati pesantemente associati al traffico di vesciche natatorie di totoaba.

Le reti da posta giganti usate per catturare la totoaba sono inavvertitamente responsabili della morte di molte vaquita. Nel 2015, il governo messicano ha vietato l'uso di queste reti, ma la domanda di vescica di pesce totoaba rimane e quindi le attività sono sotto il radar.

È stato sviluppato un progetto recente per aiutare a salvare ciò che resta delle specie in declino. Un gruppo di scienziati messicani e americani ha stabilito che l'unica speranza per la sopravvivenza della vaquita è cercare di ricostruire la loro popolazione in cattività.

Le sfide aumentano man mano che il tempo si esaurisce. Dall'ultimo sondaggio, almeno altre otto vaquitas sono state trovate morte a causa della pesca con reti da imbrocco.

Il progetto vaquita, denominato VaquitaCPR , ha stanziato fondi dal governo messicano per implementare delfini appositamente addestrati dalla Marina degli Stati Uniti per ecolocalizzare le vaquitas rimanenti con la speranza di rinchiuderle in recinti sicuri all'interno dei loro ambienti naturali, lontano dalle reti da pesca.

La sfida consiste nel localizzarli, catturarli e trasportarli in siti di detenzione sicuri. Il progetto vaquita è l'ultima speranza per l'intera specie.