Immagine: Wikimedia CC



I grandi uccelli incapaci di volare che un tempo prosperavano nelle foreste della Nuova Zelanda potrebbero essere un passo più vicini alla resurrezione.



Di John van Voorst - http://www.lib.utexas.edu/books/nzbirds/html/txu-oclc-7314815-2-31-p-097.html , Dominio pubblico


Cugini dello struzzo e dell'emù, i moa erano un tempo gli erbivori dominanti della Nuova Zelanda, che vagavano per le foreste per nutrirsi di ramoscelli e altro materiale vegetale. A differenza di altri uccelli incapaci di volare, sono gli unici completamentesenza aliuccelli conosciuti per essere mai esistiti.



Con la specie più grande del peso di circa 500 libbre e che si estende fino a 12 piedi di altezza, gli uccelli giganti avevano un solo predatore, l'enorme aquila di Haast, che potrebbe aver cacciato anche gli umani .

Ma tutte e 9 le specie morirono nel XV secolo, probabilmente cacciate fino all'estinzione dai coloni polinesiani, anche se alcuni scienziati sostengono che il loro declino potrebbe essere stato messo in moto da cause naturali prima dell'arrivo degli umani .



Un confronto delle dimensioni tra 4 specie di moa e un essere umano.1. Dinornis novaezealandiae 2. emeus grasso 3. Anomalopterige didiformis Quattro. Dinornis robustus .Immagine: Wikimedia CC

Adesso, Gli scienziati di Harvard hanno assemblato un genoma quasi completo di una specie: il piccolo cespuglio moa, che sarebbe stato alto circa 4 piedi e pesava quasi 70 libbre. Credono che il loro lavoro possa aiutare un giorno a riportare in vita gli uccelli.

Il DNA del moa è stato estratto da un singolo osso del dito del piede di un esemplare di un museo presso il Royal Ontario Museum di Toronto. I ricercatori sono stati quindi in grado di mettere insieme 900 milioni di nucleotidi del DNA altamente frammentato, abbinandoli a posizioni specifiche sul genoma dell'emu, un parente stretto. In futuro, gli scienziati potrebbero essere in grado di incorporare il DNA nell'uovo di un emù, forse riportando in vita la specie.

Il piede conservato di un Moa di montagna in mostra al Natural History Museum di Londra. Immagine: Ryan Baumann / Flickr



Questo recente successo sta dando ad altri ricercatori la speranza di essere in grado di sequenziare genomi di altre specie in modo simile. Gli scienziati sono anche vicini alla ricostruzione del genoma del dodo e del grande alca, uccelli che si sono estinti entrambi negli ultimi 500 anni.



VIDEO CORRELATO: Incredibili creature dell'era glaciale che erano più grandi della vita