Immagine: Wikimedia Commons

La lince iberica è il gatto più a rischio di estinzione del mondo- ma il World Wildlife Fund sta lavorando per proteggere la specie e ha recentemente introdotto 37 individui allevati in cattività in aree al di fuori dell'Andalusia.

Questa specie di gatto selvatico è originaria della penisola iberica e persiste in luoghi remoti della Spagna, tra cui Doñana e Sierra Morena. Sebbene pochissime persone abbiano incontrato una lince iberica in natura, sono strettamente monitorate da trappole fotografiche e collari radio. In effetti, ogni singolo membro della specie è conosciuto per nome.



Gli ambientalisti del WWF lavorano instancabilmente per proteggere e conservare le specie, studiando il loro comportamento e i modelli di movimento al fine di prevenire il bracconaggio e identificare le aree pericolose. La lince iberica è suscettibile al degrado dell'habitat a causa della crescita delle infrastrutture, delle miniere e dell'inquinamento dell'acqua- ma soprattutto soffre della perdita della loro preda primaria, il coniglio.

Immagine: Wikimedia Commons

I conigli costituiscono più del 90% della loro dieta, ma purtroppo per la lince servono anche come dieta chiave di molte altre specie mediterranee. Affinché la lince iberica riacquisti il ​​suo numero di popolazione, è essenziale un'espansione dell'habitat e il ripristino del numero di conigli.

Il WWF ha selezionato siti specifici per aiutare a ripristinare la popolazione di lince nella Sierra Morena orientale, Montes de Toledo, la valle del Matachel in Extremadura e la valle del Guadiana in Portogallo. L'anno scorso, 37 linci iberiche allevate in cattività sono state rilasciate in queste aree di reintroduzione. Ora stanno prosperando, con più di 30 cuccioli nati in natura finora.

Finora gli sforzi del World Wildlife Fund hanno salvato la lince iberica dall'estinzione, ma la lotta per la loro sopravvivenza è tutt'altro che finita.