Foto: Wikipedia / https://de.wikipedia.org/wiki/Liger#/media/File:ALiger.jpg

Liger. Foto di Il cielo senza nuvole.

Gli ibridi genetici sono il risultato dell'accoppiamento di due animali di specie diverse per formare una nuova specie. Specie provenienti da diverse parti del mondo finiscono per incrociarsi per una serie di motivi. Che sia dovuto a specie invasive che si scontrano con la gente del posto, alla distruzione dell'habitat o all'essere messi in cattività, si formano nuove specie ibride che altrimenti non sarebbero esistite. In molti casi, non sarebbero mai esistiti senza gli umani (nel bene e nel male).

Ecco tre dei più interessanti mai scoperti ...



# 1: 'Super Snakes' ibridi scoperti nelle Everglades della Florida

Pitone burmese. Immagine: Dominio pubblico

Oltre 30 anni fa, vari serpenti domestici sono stati rilasciati in natura nel sud della Florida. Queste specie invasive, in particolare il pitone birmano, hanno stabilito popolazioni in crescita, decimando le specie autoctone nel processo.

La battaglia della Florida contro le specie invasive è diventata molto più dura quando un nuovo serpente ibrido è stato trovato in agguato nelle Everglades.

Un recente Studio US Geological Survey (USGS) sulla genetica dei pitoni invasivi ha rivelato che un certo numero di serpenti nelle Everglades sono in realtà un ibrido tra due specie originarie del sud-est asiatico: il pitone birmano e il pitone delle rocce indiano.

I pitoni birmani, che hanno colonizzato lo stato negli ultimi decenni, sono costrittori colossali generalmente trovati vicino all'acqua, mentre l'agile e più aggressivo pitone delle rocce indiano trascorre la maggior parte del suo tempo su un'altura. L'ibrido risultante potrebbe portare a qualcosa di un 'super serpente', un rettile ben adattato adatto sia per le paludi che per la terraferma. E, infatti, i pitoni birmani della Florida meridionale sono stati avvistati in entrambi gli ambienti.

Un pitone birmano di 11 piedi catturato dopo aver mangiato fulvo cervo dalla coda bianca. Immagine per gentile concessione di Conservancy of Southwest Florida.

'Quando due specie si uniscono, ognuna ha un insieme unico di tratti genetici e caratteristiche che usano per aumentare la loro sopravvivenza e i loro habitat e ambienti unici', ha detto al Guardian la genetista dell'USGS Margaret Hunter. “Metti insieme questi diversi tratti ea volte i migliori di quei tratti saranno selezionati nella prole. Ciò consente il meglio di entrambi i mondi nelle Everglades, li aiuta ad adattarsi a questo nuovo ecosistema potenzialmente più rapidamente '.

Questo fenomeno, in cui i migliori tratti di entrambi i genitori sono esaltati nella prole ibrida, è noto come 'vigore ibrido'. Cosa questo significhi per i serpenti nelle Everglades, tuttavia, non è ancora chiaro.

Non è la prima volta che l'idea di un super serpente in Florida viene fuori. Nel 2010, i rapporti di un possibile ibrido tra pitoni birmani e pitoni delle rocce africane - che sono stati conosciuti per attaccare gli umani - hanno alimentato il timore che potesse dare origine a un super-predatore insolitamente aggressivo.

Ma per quanto allarmante possa sembrare tutto ciò, i ricercatori dicono che un nuovo terrore rettiliano non sta necessariamente conquistando lo stato. In effetti, ritengono che l'incrocio tra i pitoni birmani e indiani sia probabilmente avvenuto prima che si stabilissero nell'area.

Tuttavia, i risultati suggeriscono che probabilmente sarà ancora più difficile ridurre la già sconcertante popolazione di pitoni di quanto gli scienziati avessero inizialmente pensato.

# 2: ibridi di orso grizzly-polare

Orsi ibridi allo zoo di Osnabrück in Germania. Immagine: Corradox

Con l'aumento delle temperature globali, gli ecosistemi e le specie che ospitano si stanno adattando in risposta. Molti habitat stanno spostando i loro confini verso i poli, o stanno scomparendo del tutto, inviando la fauna selvatica in nuove regioni, dove interagiscono con le creature residenti in modi sorprendenti e spesso senza precedenti.

Quando questa collisione geografica è tra due specie strettamente correlate, a volte si incrociano, portando all'emergere di una specie completamente nuova. Forse uno degli esempi più affascinanti di questo è l'ibrido orso grizzly-polare: l'orso 'pizzly' o 'grolar'.

Orsi bruni (Ursus arctos) —Di cui i grizzly sono una sottospecie — e gli orsi polari (l'orso polare) sono specie diverse con adattamenti diversi ai rispettivi ecosistemi, ma sono strettamente correlate. Gli orsi polari si sono allontanati dagli orsi bruni meno di 500.000 anni fa —Non molto a lungo su una scala temporale evolutiva — ei due animali conservano una somiglianza genetica sufficiente da poter incrociare e produrre prole fertile .

Quando la prole ibrida proviene da un padre di orso polare e da una madre di orso grizzly, l'ibrido viene tipicamente chiamato un orso 'pizzly', una combinazione di 'polare' e 'grizzly'. Quando la parentela è invertita? Un orso 'grolar'.

Molto di quello che sappiamo su 'pizzlies' e 'orsi grolari' viene da ibridazione in condizioni di cattività , in particolare negli zoo. In queste situazioni gli ibridi sono spesso il risultato della convivenza delle due specie di orsi negli stessi recinti.Si sa che esistono circa diciassette di questi orsi ibridi, principalmente negli zoo europei.

Tassidermia dell'orso ibrido (a sinistra) in mostra al Museo Rothschild accanto a un orso bruno (a destra). Immagine: Sarah Hartwell

Gli ibridi si presentano come una fusione delle caratteristiche chiave dei loro genitori. La loro pelliccia non è bianca o marrone, ma un biondo sporco e cremoso. Hanno il collo lungo come gli orsi polari, ma le spalle curve come i grizzly. I loro piedi sono parzialmente ricoperti di pelliccia, intermedi tra le zampe nude dei grizzly e le zampe pelose degli orsi polari. Le loro teste fondono insieme le caratteristiche lucide delle teste degli orsi polari e le caratteristiche spesse e arrotondate delle teste dei grizzly.

Per quanto riguarda il comportamento, però, gli ibridi assomigliano di più ai loro genitori di orsi polari, scagliando grandi giocattoli e calpestando oggetti in modo simile. Si sdraiano anche con gli arti posteriori a gambe aperte, una caratteristica posa da orso polare.

Pizzlies e orsi grolari sono indubbiamente curiosità sorprendenti, ma con che frequenza si presentano in natura? Non così spesso. Molti presunti ibridi finiscono per essere purosangue di una delle due specie di orsi. Nel 2016 , si pensava che un orso ucciso nel Nunavut, in Canada, fosse un ibrido sulla base del suo mantello color crema, ma i test genetici in seguito hanno stabilito che era solo un grizzly con un raro mantello biondo .

Si credeva che questo orso fosse un ibrido grizzly-polare fino a quando i test genetici non hanno confermato che si trattava di un orso grizzly con un mantello biondo. Immagine: Didji Ishalook / Facebook

Tuttavia, i veri ibridi sono sicuramente spuntati in natura negli ultimi anni. Uno dei casi più famosi arriva anche dal Nunavut, ma un decennio prima. Nel 2006, un cacciatore americano ha sparato a quello che si pensava fosse un orso polare (per il quale aveva il permesso di caccia), anche se con caratteristiche strane.

Dopo molti drammi e la possibilità di incorrere in multe e in prigione per aver preso di mira una specie per la quale non aveva il permesso, il cacciatore è stato liberato dai risultati dei test genetici, che hanno confermato che si trattava di un caso speciale: un orso polare selvatico ibrido, pensato per essere il primo mai registrato. Nel 2010, un altro orso —Questa volta dai Territori del Nordovest — fu confermato da test genetici come un ibrido grizzly per tre quarti.

Questi orsi ibridi provengono da aree del Canada settentrionale dove i grizzly e gli orsi polari si incrociano frequenza crescente mentre i grizzly invadono l'habitat degli orsi polari. Gran parte di questa ripresa degli incontri con grizzly e orsi polari è probabilmente dovuta al cambiamento climatico.

I grizzly in genere non si allontanano a nord del limite del bosco nell'Artico e il permafrost è troppo freddo per loro. Ma mentre il permafrost si scioglie rapidamente e la preda si sposta verso i poli verso le coste abitate da orsi polari, i grizzly stanno andando a sbattere contro gli orsi polari e accoppiarsi con loro . Allo stesso modo, al diminuire del ghiaccio marino, gli orsi polari si troveranno probabilmente bloccati in luoghi terrestri riempiti da un lento strisciare di invasori grizzly.

Piuttosto che 'orsi grolari' che conquistano l'Artico, il rischio reale è che ciò che conosciamo come orsi polari venga semplicemente assorbito in una marea di DNA grizzly attraverso successivi eventi di incroci. Mentre la ricerca suggerisce che la possibilità di ibridazione indotta dal cambiamento climatico è ancora bassa per la maggior parte delle specie ,sta già minacciando come gli animali trota spietata , e un giorno potrebbe rappresentare una minaccia di estinzione simile per gli orsi polari se continuasse senza sosta.

# 3: Incontra il Liger: Half Lion, Half Tiger e il felino più grande del mondo

Un liger allo zoo di Novosibirsk in Russia. Immagine: Aleksey Shilin / Wikimedia Commons

Incontra il felino più grande del mondo: il liger. Mentre le ligri sono certamente qualcosa di cui meravigliarsi, non ne troverai mai una fuori da uno zoo: sono un incrocio ibrido creato dall'uomo tra un leone maschio e una tigre, qualcosa che non sarebbe mai accaduto in natura.

Le ligri assomigliano a un leone a strisce. Tendono ad ereditare la pelliccia marrone fulva dai loro padri leoni e le strisce scure dalle loro madri tigre.


Come risultato di questa unione tra la tigre, il felino più grande e più pesante, e il leone, il secondo più grande, le ligri tendono ad essere molto più grandi e più pesanti dei loro genitori. In effetti, il felino più grande del mondo secondo il Guinness dei primati è un liger di nome Ercole, che pesa 922 libbre e misura 11 piedi di lunghezza e 4 piedi al garrese. Risiede a Myrtle Beach Safari, un'attrazione della fauna selvatica nella Carolina del Sud.

Ercole il Liger. A 922 libbre (418,2 chilogrammi) e 11 piedi (3,33 metri) di lunghezza e misura 4 piedi (1,25 metri) di altezza alla spalla, è considerato il mondo

Ercole il Liger.

A 922 libbre (418,2 chilogrammi) e 11 piedi (3,33 metri) di lunghezza e misura 4 piedi (1,25 metri) di altezza al garrese, è considerato il felino vivente più grande del mondo. fotografato da Ali West .

Sfortunatamente, i ligers affrontano una serie di sfide. Come molti altri ibridi innaturali, le ligri spesso muoiono nel grembo materno o prematuramente. Se raggiungono l'età adulta, sono geneticamente o fisicamente sterili e incapaci di riprodursi.

Soffrono anche di una serie di fastidiosi difetti genetici e malattie associate a entrambi i leonietigri, come problemi neurologici, cancro, artrite e insufficienza d'organo.

Un paio di ligri. Foto di Hkandy.

Un paio di ligri. Foto di Hkandy.

Per questi motivi, oltre che per la mancanza di valore di conservazione e la minaccia per la madre tigre durante il parto, le ligri sono vietate nella maggior parte degli zoo e dei santuari per animali; e quelli che scelgono di allevare gli animali sono disapprovati dagli ambientalisti di grandi felini di tutto il mondo.

Guarda il video qui sotto per vedere un liger in movimento:

IL PROSSIMO: Guarda il filmato dei pitoni appena scoperti in Florida: