Immagine: Wikimedia Commons

Poche creature sulla Terra ispirano meraviglie come fa un drago di Komodo. Le lucertole più grandi del mondo, possono essere lunghe dieci piedi, e il loro aspetto feroce e le capacità di caccia sono a dir poco impressionanti.

Sembrano un po 'un drago o anche un mini-dinosauro, ma il loro aspetto non è la cosa più strana di questi animali. I draghi di Komodo, a quanto pare, sono piuttosto bizzarri.



Sono capaci di nascite vergini.

I draghi di Komodo sono in grado di riprodursi sia sessualmente che asessualmente. Le femmine di drago di Komodo possono fecondare le loro uova con i maschi, ma in assenza di maschi possono riprodursi senza fare sesso in un processo chiamato 'partenogenesi'. Asessualmente, possono solo produrre maschi, che - tenetevi forte - presumibilmente si accoppieranno con la loro madre per consentire alla specie di sopravvivere. La partenogenesi è rara nei grandi animali e più tipica degli invertebrati o delle piante.

C'è un motivo per cui sono così grandi.

Gli scienziati ritengono che le loro grandi dimensioni siano causate da uno strano fenomeno noto come 'gigantismo dell'isola'. Gli animali che vivono in un ambiente isolato possono diventare drammaticamente più grandi dei loro parenti, una tendenza evolutiva legata all'assenza di predatori più grandi. I draghi di Komodo in natura sono solo circa 6.000 e risiedono tutti su isole indonesiane appartate.

Immagine: Wikimedia Commons

Sono veloci.

Come la maggior parte dei predatori all'apice, il drago di Komodo è veloce. Nonostante le loro spine corazzate e le gambe robuste, possono correre a velocità incredibilmente elevate, fino a 13 mph, per brevi raffiche di tempo. Tuttavia, non si affidano alla velocità per la caccia, ma aspettano di nascosto la loro preda. La velocità media di corsa per un essere umano (e sì, i draghi di Komodo preda di un umano) è di soli 8 mph.

Immagine: Wikimedia Commons

Odorano con la lingua, non con le narici.

Un altro tratto strano è che annusano con la loro lingua biforcuta e il loro senso dell'olfatto è inquietante. Hanno le narici, ma non è così che fiutano la preda. Usando la lingua per annusare, possono rilevare le carogne fino a quasi 6 miglia di distanza. I draghi di Komodo hanno anche una visione sorprendentemente acuta e possono vedere oggetti fino a 300 metri.


Uccidono le loro prede con il veleno, non con i batteri.

I draghi di Komodo in realtà non uccidono le loro prede con i batteri come pensavamo una volta. Invece, i ricercatori hanno scoperto che iniettano alle loro vittime il veleno proveniente da più condotti situati tra i loro denti. Il veleno rende incapace la preda riducendo la sua pressione sanguigna, accelerando la perdita di sangue e alla fine la manda in stato di shock.

National Geographic News spiegato , 'Invece di iniettare il veleno direttamente tramite un morso violento, i draghi usano un movimento specializzato di mordere e tirare per far fuoriuscire la tossina nelle ferite durante un attacco frenetico e prolungato.'

Immagine: Ryan Somma / Flickr

Possono mangiare animali interi, anche quelli grandi come una capra.

I draghi di Komodo generalmente mangiano strappando pezzi di carne dalla vittima, ma possono anche ingoiare animali interi. Possono farlo usando le loro mascelle liberamente articolate, i loro crani flessibili e il loro stomaco espandibile.

La deglutizione di animali di grandi dimensioni richiede generalmente dai 15 ai 20 minuti e gli animali devono crogiolarsi al sole per accelerare la digestione. A causa del loro metabolismo lento, i komodos possono sopravvivere con un minimo di 12 pasti all'anno.

I bambini scappano dopo la schiusa in modo che le loro madri non possano mangiarli.

E la cosa più inquietante di queste creature dall'aspetto antico? In realtà mangiano i propri piccoli. Le femmine incubano le loro grinfie di uova per circa tre mesi e costruiscono persino nidi di esca per mantenere i loro bambini non ancora nati al sicuro dai predatori. Ma una volta che si sono schiusi, quegli istinti materni svaniscono.

I piccoli draghi di Komodo si arrampicano sugli alberi per sfuggire alle madri e ad altri draghi maturi che li mangeranno. I giovani draghi di Komodo sono eccellenti nell'usare i loro artigli per arrampicarsi sugli alberi, ma i più vecchi sono meno agili. I giovani non scendono dal loro santuario sulla cima degli alberi fino a quando non hanno quattro anni e sono lunghi circa quattro piedi.

Immagine: Wikimedia Commons

Immagine in primo piano tramite Tambako the Jaguar su Flickr