Man mano che il nostro pianeta si riscalda, più specie vengono avvicinate più che mai mentre le fasce climatiche si spostano verso i poli e le risorse chiave si spostano insieme a loro.Quando le specie sono strettamente imparentate, la maggiore interazione può provocare incroci, come nel caso tra orsi polari e grizzly .Ma può anche essere vera la risposta opposta.

In tutta l'Eurasia settentrionale e il Nord America, dove le foreste della taiga confinano con la tundra, le volpi rosse hanno ampliato il loro areale verso nord negli ultimi due decenni o più, invadendo un territorio che fino a poco tempo fa apparteneva esclusivamente ai loro cugini, le volpi artiche. La collisione tra le specie risultante è stata intensa e antagonistica, con una parte in competizione e soppiantata dall'altra, spesso con mezzi violenti.



Quando le volpi rosse e le volpi artiche vanno zampa a zampa, spesso sono le volpi rosse più aggressive e più territoriali a vincere. Nel 2015, fotografoDon Gutoski's foto premiata mostrare una volpe rossa che si trascina dietro una carcassa di volpe artica fresca ha messo il conflitto sotto i riflettori, ma la ricerca conferma che le volpi rosse hanno ucciso e mangiato i loro parenti più piccoli e più pallidi per un po 'di tempo.

Questa premiata foto di una volpe rossa che trasporta una volpe artica che aveva ucciso è diventata virale e ha messo il conflitto sotto i riflettori nel 2015. Immagine: Don Gutoski, usata con il permesso

Ad esempio, gli scienziati in Svezia hanno documentato casi ripetuti di volpi rosse adulte cercando e predando cuccioli di volpe artica che stavano denning vicino ai siti di riproduzione della volpe rossa. Sono state osservate anche volpi rosse attaccare le volpi artiche adulte in Alaska in numerose occasioni.

Sebbene le interazioni possano diventare violente, è probabile che le conseguenze più impattanti del conflitto tra la volpe rossa e la volpe artica derivino dalle volpi rosse che si impossessano delle tane delle volpi artiche e le spingono addirittura fuori da intere parti della loro normale area geografica.

Diversi anni fa, gli scienziati hanno osservato una volpe rossa rivendicare una tana di volpe artica occupata nella penisola russa di Yamal, intimidire il legittimo proprietario in modo permanente . In casi più estremi, le volpi rosse possono spazzare via quasi completamente le volpi artiche, come hanno fatto le Isole di San Matteo al largo della costa dell'Alaska. La nuova popolazione di volpi rosse presumibilmente è arrivata alle isole attraversando il ghiaccio marino circostante in inverno.

Entra: un altro invasore

Mentre l'invasione delle volpi rosse alle latitudini polari è guidata, in parte, dalle condizioni climatiche locali che diventano più tollerabili per le volpi rosse, in una strana svolta, gran parte della loro maggiore presenza nelle terre delle volpi artiche può essere assistita da un altro invasore meridionale: gli umani.

Poiché l'Artico diventa più accessibile alle abitazioni umane e all'industria a causa del clima che cambia, gli esseri umani stanno inavvertitamente cambiando questi ecosistemi per essere intrinsecamente più adatto per le volpi rosse . Ad esempio, le infrastrutture di estrazione del petrolio nella tundra creano sacche di rifugio per le volpi rosse meno adattate al freddo, consentendo loro di persistere a nord di dove normalmente non potrebbero.

Una volpe rossa che trasporta uno scoiattolo a terra artico in Alaska. Immagine: National Park Service / Kent Miller

Un altro di questi 'sussidi antropici' viene dal bestiame come le renne; quando gli individui muoiono, forniscono una fonte di carogne che aiuta a sostenere le popolazioni di volpi rosse (questo è particolarmente vero nelle regioni che hanno perso i loro lupi nativi, il che significa che c'è meno concorrenza).

Questi spazi sicuri generati dall'uomo possono consentire alle volpi rosse di avere un impatto sulle popolazioni di volpi artiche dell'estremo nord molto prima che anche il cambiamento climatico raggiunga.

Mentre è probabile che il conflitto tra le due specie diventi più frequente con il riscaldamento del clima, ci sono ancora alcuni luoghi in cui (per ora) le volpi artiche stanno bene. Un esempio è Islanda , che negli ultimi anni ha assistito a una miracolosa ripresa della popolazione di volpi artiche, anche se, in particolare, le volpi rosse non si trovano nella nazione insulare. Se una popolazione dovesse stabilirsi lì, allora tutte le scommesse potrebbero essere annullate.

GUARDA IL PROSSIMO: L'orso grizzly combatte 4 lupi