Immagine: Youtube

Gli scienziati hanno recentemente osservato la prima riproduzione asessuata mai documentata di uno squalo zebra in cattività- un evento promettente per le specie a rischio di estinzione elencate IUCN.

Gli squali zebra abitano naturalmente le acque tropicali della regione indo-pacifica, che vanno dal Sud Africa al sud-est asiatico fino all'Australia settentrionale. Storicamente, questi animali si sono accoppiati sessualmente in natura e in cattività, aderendo a comportamenti di corteggiamento coerenti.



Leonie è uno squalo zebra (Stegostoma fasciatum) che risiede presso il Reef HQ Aquarium a Townsville, in Australia. In precedenza aveva condiviso una vasca con un maschio e si erano regolarmente accoppiati, producendo più cucciolate di cuccioli. Si sono separati nel 2012 e per diversi anni Leonie ha vissuto senza un partner maschile.

La reputazione dello squalo zebra per il rigoroso accoppiamento sessuale ha lasciato gli scienziati sconvolti all'inizio della primavera del 2016, quando Leonie ha dato alla luce tre cuccioli vitali-senza essere stato esposto a uno squalo maschio in più di tre anni.

Immagine: Youtube

In un altro incidente documentato uno squalo zebra in cattività ha dato alla luce cuccioli tramite riproduzione asessuata, ma non si era mai accoppiata sessualmente, rendendo il passaggio di Leonie dalla riproduzione sessuale all'utilizzo della partenogenesi davvero miracoloso.

La partenogenesi si verifica più comunemente nelle femmine che non sono mai state esposte prima ai maschi. Il meccanismo della riproduzione asessuata coinvolge i precursori dell'uovo che emulano lo sperma per fecondare gli embrioni- spesso eseguita da piante e alcuni invertebrati.

I ricercatori hanno suggerito che l'incidente di questa nascita verginale fosse un risultato della separazione di Leonie dal suo compagno . L'evento sorprendente solleva legittimi interrogativi sul fatto che la partenogenesi sia possibile in natura e anche se la prole nata asessualmente sia in grado di riprodursi sessualmente.

Questo incredibile fenomeno potrebbe significare un cambiamento delle maree per le specie di squali zebra in via di estinzione.

I risultati completi sono stati pubblicati sulla rivista Rapporti scientifici .